E.C.M.

-CRANIOSACRALE-

Fondamenti e aggiornamenti alla luce delle ultime ricerche scientifiche

3 Stage per apprendere una profonda tecnica terapeutica ed affinare la percezione manuale

Programma

Il corso  è formato da 3 stage di 2 giorni ciascuno della durata di 16 ore ogni incontro.                     (Classe a numero chiuso, 25 iscritti)

Si tratta di un corso teorico/pratico dove il professionista sanitario  apprende la terapia craniosacrale di base alla luce delle nuove conoscenze .

La parte teorica ha lo scopo di formare il corsista su quello che è la conoscenza del sistema craniosacrale, come viene insegnato ancora oggi nelle scuole di osteopatia classica, una volta appreso il modello tradizionale del Dott.Sutherland, verrà affrontata la parte teorica relativa alla revisione scientifica che pone a confronto il vecchio con il nuovo modello a fronte dei nuovi studi e ricerche condotte nei ultimi anni.

La parte pratica ha lo scopo invece, di dare gli strumenti  manuali in modo da poter praticare la terapia craniosacrale nei propri studi. L’approccio pratico, una volta acquisito, insieme alle tecniche non hanno l’intento sostitutivo della propria metodica lavorativa e terapeutica ma hanno l’obiettivo  coadiuvante al proprio protocollo riabilitativo mantendendo il proprio approccio al paziente .

Un lavoro parallelo alla terapia proposta dei nostri pazienti con l’obiettivo terapeutico di migliorare le condizioni generali a livello sistemico; ed è per questo che il corso è rivolto a tutti i  professionisti sanitari quali Fisioterapisti, Logopedisti,TNPEE, Ostetriche, Podologi ed Infermieri.

Il corso fornisce materiale digitale e cartaceo, vengono assegnati compiti a casa (di studio e esercizi pratici) che il corsista deve svolgere durante il tempo che trascorre tra un modulo e il successivo.

Crediti E.C.M.

Verranno assegnati 50 crediti E.C.M. al termine dei 3 moduli 

DATE:

I° Stage 26/27 Gennaio 2019

II° Stage 30/31 Marzo 2019

III° Stage 04/05 Maggio 2019

PRESSO:

Hotel Giò

Via Ruggero D’Andreotto, 19, 06124 Perugia PG

QUOTA E MODALITA’ DI PAGAMEMTO

La quota del singolo stage è di 400€ (iva inclusa). Se pagato in un’unica soluzione Il costo dell’intero corso è di 1000€ (iva inclusa).

La modalità di iscrizione è via mail : [email protected] con oggetto : “Iscrizione craniosacrale ecm” la validità dell’iscrizione è subordinata al bonifico entro la data 31/12/18

IBAN:

La causale è “Craniosacrale ecm”
il nome è Accademia Italiana Biodinamica
L’iban è IT03 M062 2003 0000 0000 1000 910

Docenti:

Marco Giovagnoli: Fisioterapista ed Osteopata D.O.

Francesco de Cenzo: Operatore Craniosacrale Biodinamico, Direttore A.I.Bi.C.

PROGRAMMA DETTAGLIATO                                             I°STAGE 26/27 GENNAIO 2019

Sabato 26

-8,30/9,00 Registrazione del corso

-9,00/9,15 presentazione del corso

-9,15/9,45 storia del craniosacrale

-9,45/11,00 teoria craniosacrale tadizionale1

-11/11,15 break

-11,15/12,15 parte pratica I = introduzione all’ascolto

12,15/13,00 feed back e revisione teorica

14,30/15,30 teoria craniosacrale tradizionale2

15,30/16,30 parte pratica II = regole pratiche manuali

16,30/16,45 break

16,45/17,45 introduzione alle tecniche

17,45/18,30 revisione teorica e domande dei conclusione dei lavori

Domenica 27

-9,00/10,00 teoria anatomia e fisiologia

-10,00/11,00 parte pratica esercizi vari

-11/11,15 break

-11,15/12,15 teoria anatomia e fisiologia

12,15/13,00 feed back e revisione teorica

14,30/15,30 teoria anatomia e fisiologia

15,30/16,30 parte pratica ascolto craniale e sacro

16,30/16,45 break

16,45/17,45 introduzione alle tecniche

17,45/18,30 revisione teorica e domande dei conclusione dei lavori.

CENNI STORICI

Il fondatore dell’osteopatia fu Still, nel 1800, non c’era una medicina ortodossa ben conclamata e i farmaci erano sperimentali. Il pensiero filosofico osteopatico e medico in primo luogo pose al centro la cura della persona e successivamente la cura della salute. L’espressione della malattia è una conseguenza di qualcosa che va ricercato. L’intervento osteopatico è globale. Viene valutata la persona nella sua totalità: psiche, corpo e mente.  Secondo Still la vita è movimento e il movimento è vita; l’uomo per vivere deve muoversi e muoversi bene secondo tre leggi: economia, confort ed equilibrio. La parola osteopatia deriva dall’inglese (ostheon e pathos) e significa “ lungo il sentiero della sofferenza dell’osso” ovviamente riferito all’epoca e non riportato ad oggi.

A 10 anni ebbe un’ intuizione che più avanti darà il fondamento dell’osteopatia: soffriva di qualche mal di testa (diremmo di tipo miotensivo). Che cosa fece? Si mise la corda dell’altalena a livello sub-occipitale e rimase con questa corda a dondolarsi e vide che questo gli attenuava i dolori.

“Una mano sensibile e un cervello intelligente sono le uniche cose  che fanno ottenere un buon risultato.”

William Garner Sutherland, D.O. (March 27, 1873 – Sept. 23, 1954) allievo diretto di Still, fu il primo che iniziò a studiare il cranio.

 

Sutherland iniziò ad esaminare il cranio, mentre Still si fermò all’occipite.

Tutti sostenevano che le ossa del cranio erano saldate tra loro perchè le fontanelle erano ormai chiuse anche se capiva che il cranio non poteva muoversi, non capiva come potesse fare visto che mancavano muscoli in grado di muoverlo; gli unici muscoli motori erano:

muscoli della mandibola: tesi tra il cranio e la mandibola

muscoli mimici: hanno punto fisso sulle ossa.

Esaminando crani secchi vide che tra le ossa della volta cranica c’era uno spazio, vide che la squama del parietale ricopriva il temporale e che non erano articolazioni classiche, Sutherland vide un cranio disarticolato. Vide che gli smussi nelle articolazioni cambiavano. Si chiese il perché; Vide che gli smussi, specialmente nelle ossa temporali, permettevano un movimento “like the gills of a fish” (come le branchie di un pesce) vide che a livello craniale permettevano una sorta di movimento; perché dicono che il cranio è unico e non si muove se la natura ci ha dato invece degli smussi? Dove uno ricopre l’altro e questa tipologia di articolazione permette il movimento.

Spese i successivi 20 anni a studiare quel movimento (ancora oggi fanno studi a Melbourne dove la facoltà di Osteopatia è legata a bioingegneria…)

Negli ultimi anni della sua vita , smise di fare tecniche sul cranio e iniziò a percepire dei ritmi più sottili e profondi che chiamo’ maree.

Il suo lavoro fu, poi, portato avanti da diversi osteopati, tra cui Rollin Becker  e Harould Magoun, che continuarono ad ascoltare il cranio in una modalità molto differente , rispetto a prima, quindi si iniziò a passare da una modalità meccanicistica ad una più modalità più dedita alla ascolto ed alla scoperta di questi ritmi organizzatrici di vita.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi